VINCITORI

I due libri vincitori ad ex aequo

y4.png

La lingua perduta delle gru

David Leavitt.png

David Leavitt
& Fabio Cremonesi

y2.png

Ulisse

David Leavitt (1).png

James Joyce
& Enrico Terrinoni

La giuria di qualità composta da rappresentanti del comune di Capalbio, Fondazione Capalbio, esponenti del mondo della traduzione, presieduta da Emmanuelle de Villepin, hanno selezionato i vincitori del Premio alla Traduzione che verrà consegnato in occasione del premio internazionale capalbio piazza Magenta. Emmanuelle de Villepin, il direttore artistico Daniele Petruccioli e Maria Concetta Monaci Presidente di Fondazione Capalbio, nel ringraziare le case editrici che numerose hanno aderito inviando i lavori  e le due giurie ( di grandi lettori e di qualità ) per il lavoro svolto, così hanno commentato: "Vincono ex aequo Ulisse e La lingua perduta delle gru. Questo risultato rispecchia la difficoltà di scelta che fin dall'inizio ha tormentato tutti i livelli di votazione e le diverse giurie, testimoniando dell'altissima qualità delle traduzioni contemporanee verso l'italiano e della sempre crescente attenzione da parte delle case editrici nel proporre ai lettori livelli altissimi di questa pratica fondamentale per la diffusione nel nostro Paese della cultura, della bellezza, delle storie di tutti i tempi e di tutte le parti del mondo."

 

Direttore Artistico

Daniele Petruccioli

Daniele Petruccioli è traduttore e scout freelance. Si occupa di romanzi e saggi dal francese, inglese e di tutta l’area lusofona; dal Portogallo al Brasile passando per l’Angola e il Mozambico, con particolare attenzione alle aree di sperimentazione linguistica, letteratura postcoloniale e libri per bambini.

y1.png
 

Giuria di Qualità

Emmanuelle de Villepin - Presidentessa di Giuria

La scelta del vincitore per il Premio Fondazione Capalbio per la Traduzione sarà determinata dal responso della giuria di qualità presieduta da Emmanuelle de Villepin e composta da rappresentanti del Comune di Capalbio, Fondazione Capalbio, biblioteca La Piccola e partecipanti del Gruppo di Lettura.
La premiazione del vincitore avverrà in occasione del Premio Internazionale Piazza Magenta il prossimo 26 agosto; nel frattempo si parlerà ancora molto di libri.

EMMANUELLE DE VILLEPIN.png
 

Finalisti

La prima fase della selezione per il Premio Fondazione Capalbio per la Traduzione che vede la direzione artistica di Daniele Petruccioli,  si è concluso con la compilazione di una lista di tre opere da parte della Giuria Popolare formata da Lia Migale, Giovanna Nuvoletti, Valeria Viganò, Alessia Denaro, Roberta Lepri, Piero Maccarinelli e Luca Piazza.

y2.png
y4.png
y6_edited.jpg

Ulisse di James Joyce, nella nuova traduzione dall'inglese di Enrico Terrinoni per Bompiani

La lingua perduta delle gru di David Leavitt, nella nuova traduzione dall'inglese di Fabio Cremonesi per SEM

Nel centro di ogni cosa. Poesie 1890-1910 di Hugo von Hofmannstahl, nella nuova traduzione dal tedesco di Andrea Landolfi per Del Vecchio Editore

 
x1.png
 

OGGETTO, FINALITÀ E PRINCIPI

  • Il Premio Fondazione Capalbio per la Traduzione viene istituito con il patrocinio del Comune di Capalbio e in collaborazione con l’Associazione Premio Internazionale Capalbio Piazza Magenta, al fine di valorizzare il lavoro artistico e la funzione di ponte tra le culture di traduttori e traduttrici italiani, diffondere e divulgare la coscienza della loro importanza, sensibilizzare i lettori e le lettrici al loro riconoscimento e apprezzamento

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

  • Sono ammesse a partecipare al premio le opere presentate dalle case editrici (in formato cartaceo e/o - obbligatoriamente - elettronico) che siano state tradotte in italiano e pubblicate in Italia nel periodo compreso tra il 16 aprile dell’anno precedente e il 15 aprile dell’anno in corso

  • il cui alto profilo sia evidente nell’esecuzione del testo e per il curriculum traduttivo e/o culturale di chi ne è l’autore / l’autrice

  • che abbiano avuto diffusione su tutto il territorio nazionale

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

  • Le opere candidate dovranno pervenire a Fondazione Capalbio in formato integrale PDF e - facoltativamente - cartaceo entro il 15 aprile dell’anno in corso, corredate di una breve lettera motivazionale e del curriculum vitae del traduttore / della traduttrice. Gli indirizzi di inoltro delle opere sono i seguenti: Recapito elettronico: fondazionecapalbio@gmail.com Recapito postale: Fondazione Capalbio, via Puccini 32 - 58011 Capalbio (GR)

  • La partecipazione al premio da parte delle case editrici comporta l’accettazione completa del regolamento e la presenza del vincitore / della vincitrice alla cerimonia di premiazione.